Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Messaggio per il Quaresima 2016

18/02/2016

Carissime consorelle,

 

Siamo state convocate e invitate dall’amore misericordioso di Dio ad aprire il nostro cuore perché Lui possa lavorarlo e modellarlo secondo il suo, in questo tempo in cui la chiesa, come una Madre, ci guida per mano, non siamo sordi a questo invito, ma spalanchiamo il nostro cuore e la nostra mente, stiamo vivendo un momento speciale nello Spirito, il giubileo della misericordia è un anno pieno di grazie speciali ma che noi dobbiamo invocare e fare scaturire dal cuore di Gesù. Il nostro carissimo Papa Francesco ci esorta amorevolmente a non sprecare questo tempo di grazia e nel suo messaggio quaresimale 2016 ci dà le direttive su come vivere questo tempo di grazia: «la Quaresima di quest’anno giubilare sia vissuta più intensamente come momento forte per celebrare e sperimentare la misericordia di Dio» ( Misericordiae Vultus , 17). Con il richiamo all’ascolto della Parola di Dio ed all’iniziativa «24 ore per il Signore» ho voluto sottolineare il primato dell’ascolto orante della Parola, in specie quella profetica. La misericordia di Dio è infatti un annuncio al mondo: ma di tale annuncio ogni cristiano è chiamato a fare esperienza in prima persona, e se ogni cristiano è chiamato a fare esperienza della parola ancora di più per noi Missionarie del Catechismo che, come vuole la nostra regola, la S. Scrittura sia il libro preferito della Missionaria (Cons. 40). Il santo Padre ci esorta a centrare la nostra attenzione al cuore del Kerygma, cioè allo Shemà, «Ascolta, Israele: il Signore è il nostro Dio, unico è il Signore. Tu amerai il Signore, tuo Dio, con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutte le forze» ( Dt 6,4-5). Il Figlio di Dio è lo Sposo che fa di tutto per guadagnare l’amore della sua Sposa, alla quale lo lega il suo amore incondizionato che diventa visibile nelle nozze eterne con lei. È bello pensare a come la nostra anima gode delle delizie dell’amore divino e, quando facciamo spazio a questo amore dentro di noi, non siamo sorde a questo amore misericordioso che in questo tempo di quaresima, in maniera speciale, bussa con forza alla porta della nostra anima. Questo Gesù che ci invita a condividere con Lui le sofferenze di questo nostro mondo martoriato e che ha tanto bisogno del nostro sostegno spirituale. A volte sentiamo la nostra impotenza dinanzi a tanta sofferenza, ma sappiamo che abbiamo un arma forte che è la preghiera, non dobbiamo cedere alla sfiducia, dobbiamo contemplare il nostro sposo sulla croce e, ci continua a dire il papa Francesco, «in Gesù crocifisso Dio arriva fino a voler raggiungere il peccatore nella sua più estrema lontananza, proprio là dove egli si è perduto ed allontanato da Lui. E questo lo fa nella speranza di poter così finalmente intenerire il cuore indurito della sua Sposa». Non dimostriamoci sordi a tanta misericordia che ci viene offerta e siamo anche noi misericordiosi con il prossimo, cominciando con chi ci sta accanto.

La Madonna del Buon Consiglio ci guidi in questo tempo di grazia e Padre Idà interceda sempre per noi in unione di preghiera vi auguro un cammino fruttuoso in questo tempo santo.

 

Ariccia, 05 Febbraio 2016 Vostra in Cristo,

Suor Bernardina Perez

 

Suore Missionarie del Catechismo | All Rights Reserved
powered by DOMUSMEDIA © | All rights reserved