Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Lettera di indizione

logo

“Annunciare il Vangelo non è per me un vanto,perché è una necessità che mi si impone:guai a me se non annuncio il Vangelo!” (1 Cor 9, 16)

 

Circ. N°19/U2014

 

Carissime Sorelle,

Con le parole dell’Apostolo Paolo, desidero giungere nelle nostre Comunità, ringraziare il Signore, P. Vincenzo e Madre Pasqualina, del cammino realizzato in questo sessennio, sulle strade che l’ XI° Capitolo Generale ha affidato ad ogni Suora Missionaria del Catechismo. In questi anni il Signore ci ha fatto sperimentare l’essere Padre per ciascuna di noi (Cfr. Os 11, 3-9), e con il Suo aiuto, siamo giunte ai “giorni nostri” (Cfr. Sal 23, 6).

Sono stati anni impegnativi, ricchi di emozioni e di scelte coraggiose; tra tutte emerge la volontà “missionaria” con la quale abbiamo camminato, rivelando giorno dopo giorno, il desiderio di coniugare insieme le istanze carismatiche e la vita reale delle comunità, con gli inevitabili segni di fatica e di fedeltà che contraddistinguono la nostra famiglia religiosa. Nel sessennio la nostra Famiglia religiosa ha consolidato le sue presenze missionarie in Messico, Filippine, Kenya, Israele, New York, Argentina, Madagascar, così un forte investimento per l’evangelizzazione; in Italia con la qualità dei servizi in favore delle persone anziane e la condivisione dell’opera pastorale in diverse comunità parrocchiali.

Oggi, siamo chiamate a “fare memoria grata del passato, a vivere con passione il presente, ad aprire con fiducia al futuro (Ripartire da Cristo, n. 19), non solo in vista del XII° Capitolo Generale Ordinario, ma sollecitate dai fermenti dei tempi e dalle impellenti richieste che giungono da più parti, consapevoli che “in tutti i battezzati, dal primo all’ultimo, opera la forza santificatrice dello Spirito che spinge ad evangelizzare ad essere operose evangelizzatrici (Evangelii Gaudium, 119).

Indizione e tema del XII° Capitolo Generale Ordinario

Pertanto, invocando l'aiuto e la protezione dei nostri Fondatori, sotto la guida dello Spirito Santo e della Vergine Maria con il titolo di Madre del buon consiglio, padrona della Congregazione

INDICO UFFICIALMENTE IL XII° CAPITOLO GENERALE DELLA CONGREGAZIONE DELLE SUORE MISSIONARIE DEL CATECHISMO IN ANOIA (RC) – CASA MADRE il 15 – 25 Novembre 2014

L’argomento che distinguerà il prossimo evento capitolare è risultato di una riflessione del Consiglio generale e della Commissione capitolare, sugli attuali orientamenti della Chiesa, sulla situazione della nostra Congregazione e sulle strade che dovrebbero significare il nostro futuro:

 

“ALLARGA LO SPAZIO DELLA TUA TENDA…”

NUOVE EVANGELIZZATRICI PER UNA NUOVA EVANGELIZZAZIONE

 

L’icona biblica che ispirerà l’iter di preparazione del XII° CGO è: “allarga lo spazio della tua tenda e siano distesi i teli delle tue dimore. Non fermarti! Allunga le tue corde e rafforza i tuoi pioli perché a destra e a sinistra ti espanderai …” (Is. 52, 2-3); invece l’obiettivo principale: “Nuove evangelizzatrici per una nuova evangelizzazione”.

Solo la disponibilità di ciascuna SMC ad “allargare lo spazio della tua tenda..” (Is 52,2), potrà favorire la ricerca comune delle prospettive “evangelizzatrici”, da incarnare nel prossimo sessennio (2014-2020), superando la tentazione di proseguire il cammino senza renderci conto della nostra realtà, della fatica a gestire le attuali comunità e degli impegni missionari in cantiere.

Il Capitolo Generale è il principale segno dell’unità della Congregazione

Il XII° CGO è il principale segno dell'unità della Congregazione nella sua diversità (Cfr. Costituzioni, 110-111). Impegna la Congregazione per un periodo di tempo non breve, in uno sforzo di verifica, ricomprensione delle esigenze del carisma e adeguamento alle circostanze nelle quali esso si deve esprimere. Segna dunque il nostro cammino di rinnovamento costante. Ce lo dice l'esperienza degli ultimi anni.

Il prossimo evento capitolare ci aiuterà a rinsaldare la nostra fedeltà al Vangelo, a Padre Vincenzo Idà e Madre Pasqualina Condò e ai tempi. La Congregazione si metterà tutta in atteggiamento di docilità allo Spirito del Signore, cercando di conoscere, in un determinato momento della storia, la volontà di Dio per il miglior servizio alla Chiesa.

L’invito dell’Apocalisse: “Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese” (Ap 2, 7), risuoni come incoraggiamento gravido di speranza, che comporta però un richiamo pressante ad una fedeltà, semplice e genuina, nelle situazioni nuove che oggi ci interpellano. Tra i diversi scopi, il XII° CGO, ha quello di eleggere la Superiora Generale e le Sorelle del Consiglio per il periodo 2014-2020.

È questa una responsabilità di proiezione storica per il servizio di unità e orientamento che esse sono chiamate a prestare. Tutte le Sorelle possono e debbono partecipare corresponsabilmente nell'elezione che compiranno le capitolari, attraverso la preghiera costante e intensa perché il Signore dia alla nostra famiglia religiosa la guida che l'attuale momento della Chiesa, del mondo e dei destinatari del nostro carisma necessita.

Il cammino pre-capitolare

Invito tutte ad entrare in questa prima fase di preparazione ponendoci in ascolto dello Spirito di Dio con umiltà, con gratitudine e con grande speranza. Il tempo liturgico della quaresima ci aiuta a iniziare questo percorso alla luce del verbo “allargare”; in concreto la quaresima è un invito a fare un cammino di conversione, che implica innanzitutto il muoversi, il ri-partire verso una meta. Dal punto di vista liturgico è il cammino verso la Pasqua e la Risurrezione.

Anche Papa Francesco ha ribadito che “bisogna sempre allargare lo sguardo per riconoscere un bene più grande che porterà benefici a tutti noi. Però occorre farlo senza evadere, senza sradicamenti. È necessario affondare le radici nella terra fertile e nella storia del proprio luogo, che è un dono di Dio” (Evangelii Gaudium, 235); “ma c’è ancora bisogno di allargare gli spazi per una presenza femminile più incisiva nella Chiesa” (Ibidem, 103).

Il cammino pre-capitolare ha lo scopo di sensibilizzare tutte le Sorelle e di promuovere a livello personale e comunitario un’accoglienza delle diverse iniziative all’interno di alcune scadenze.

2

Ecco l’iter:

 

Lettera d’indizione del XII° CGO da parte della Superiora Generale.

Consegna delle schede per la preparazione al XII° Capitolo Generale: Anoia, 1 Maggio 2014

Impegni:

 A livello locale: ogni comunità sarà invitata a riflettere su alcuni argomenti per la verifica del periodo: 2008-2014 e progettare il cammino futuro della Congregazione: 2014-2020. Ecco i temi e le tappe:

 

 1 scheda: RINFORZARE i paletti: Eucaristia – catechesi – carità: Maggio 2014.

 2 scheda: VALUTARE il cammino della Congregazione nel periodo: 2008-2014: Giugno 2014.

 3 scheda: PROGETTARE il cammino per il periodo: 2014-2020: Luglio 2014.

 

 

 A livello di Congregazione:

 

 Invio alla Superiora Generale delle riflessioni relative alle tre schede: 15 Agosto 2014.

 Elezione delle Sorelle Capitolari per il XII° CGO: 25 Aprile 2014.

 Redazione dello strumento di lavoro capitolare: Settembre 2014.

 Consegna del documento finale per le Delegate al XII° CGO: Ottobre 2014.

Ogni SMC è invitata quindi a vivere con maggior intensità l'adesione personale e comunitaria alle diverse iniziative che verranno decise a livello comunitario e di Congregazione. Tale disponibilità ci riporti a Cristo Salvatore, quale motore di ogni nostra attività, affinché non ci stanchiamo di assumere l'impegno per una santità capace di parlare all'uomo d’oggi; a produrre attraverso le comunità una testimonianza significativa di vita fraterna; ad impegnarsi in una evangelizzazione capace di dialogare con la società e con la cultura, divenendo in essa lievito, profezia e istanza critica.

Immersi in un mondo pluralista da ogni punto di vista, spesso agitato e distratto, anche noi siamo prese talvolta da compiti molteplici e assillanti; è tempo per ritornare alle sorgenti della nostra vocazione, per verificare serenamente la qualità evangelica della nostra vita, per confermare l'impegno della propria consacrazione, per testimoniare con gioia l'assoluto di Dio: cioè che il Signore è l'Amore capace di colmare il cuore della persona umana ed è il punto indispensabile di riferimento e di arrivo perché la vita umana sia tale.

 

Alcune consegne per il cammino pre-capitolare

Mi sembra di percepire in tutte noi il senso della responsabilità, sia per l'amore che nutriamo verso la nostra famiglia religiosa, sia per il momento di grazia particolare che ci è dato da vivere. Per questo desidero invitare tutte le SMC a preparare il XII° Capitolo, non solo con l'approfondimento dei temi proposti, ma soprattutto con la preghiera.

Il Consiglio generale propone alcuni appuntamenti comuni a tutte, lasciando pieno spazio per altre iniziative personali e comunitarie. Per cui ecco alcune proposte:

Programmare la mezza giornata per lo studio personale e i vari incontri di condivisione.

 Fissare l’Adorazione settimanale comunitaria per pregare e riflettere sul tema capitolare.

 Recitare ogni giorno la preghiera per il XII° Capitolo Generale .

 Organizzare il ritiro mensile sul tema capitolare.

 Offrire una celebrazione eucaristica settimanale per invocare la luce dello Spirito Santo.

 

 

Conclusione:

 

Sovente ci si sofferma sugli interrogativi che riguardano la nostra identità di SMC; più spesso ancora ci capita di ascoltare o di metterci ad analizzare le difficoltà da superare per riuscire ad essere significative, soprattutto davanti alla prossima scadenza capitolare.

Ci provoca l'ambiente secolare poco inclinato a riconoscere il valore di scelte e motivazioni che vanno oltre il funzionale, il temporale o il pratico. Ci sfida pure l'apparente inefficacia dei nostri sforzi riguardo ai grandi fenomeni del nostro tempo: la perdita del senso religioso, il disorientamento etico, le povertà che si espandono e diventano sempre più estreme, le discriminazioni, i conflitti che degenerano in violenza continuata.

Vorrei che Giovanni Paolo II, ci ricordasse quanto siano determinanti per noi le sue parole: “Voi non avete solo una storia da ricordare e raccontare, ma una grande storia da costruire. Guardate al futuro nel quale lo Spirito vi proietta per fare assieme a voi ancora cose grandi” (Vita Consecrata, n. 110).

 

Ariccia, 19 Marzo 2014

 

Madre Bernardina Perez

Superiora Generale

 

Suore Missionarie del Catechismo | All Rights Reserved
powered by DOMUSMEDIA © | All rights reserved